Ama e assisti

Gesù a qualche ora dalla morte,
mentre pendeva dalla croce,
lasciò come madre a Giovanni
la propria madre (cfr Gv 19, 25-27).
Secondo grande dono di Gesù
al più giovane dei discepoli.
In vita una costante predilezione.
In punto di morte
Giovanni riceve come madre
la stessa Madre di Dio.
Maria, mentre sta vivendo
nel cuore e nell’anima
la straziante passione del Figlio di Dio,
acquista una nuova maternità,
quella di tutti i peccatori
per i quali Gesù sta morendo.
Assomma sul Calvario
alla gloriosa maternità divina
la dolorosa maternità umana.
Gaudio di paradiso
nel concepire Gesù.
Strazio di morte
mentre Gesù le conferisce
la seconda maternità.
Gesù, tra breve, tornerà al Padre.
I peccatori ci saranno
fino alla fine del mondo.
Santa Maria, Madre di Dio,
tu che hai assistito
nell’ora della morte
il tuo amato Figlio,
ama e assisti tutti noi,
tuoi figli peccatori,
in tutte le ore della vita
e soprattutto nell’ora della morte.

P. G. Alimonti OFM cap, I Colori del vespro, vol. II, p 126-127