In mezzo a noi

“È questo il mio corpo.
È questo il mio sangue.
Mistero della fede”.

Il pane consacrato,
e il vino consacrato,
si posa sull’altare.

Non è il nostro occhio
ma è la nostra fede,
che vede il Dio presente.

È pane sostanziale,
è vino di salvezza,
memoria della Cena.

È sacrificio santo
di Cristo sulla croce;
la Chiesa lo rinnova.

Ininterrottamente
si compie sulla terra
quest’opera divina.

E per la sua parola
Gesù è pronto a scendere
in mano del ministro.

Il popolo si prostra
e adora il Sacramento
con animo commosso.

Il Cielo è sulla terra.
È Dio in mezzo a noi.
Si dona come cibo.

L’Eucarestia è chiave,
che apre il paradiso
e fa vedere Dio.

È Tabor e Calvario.
È festa del Cenacolo.
Gesù è in mezzo a noi.

Prendete e mangiate.
Cantate e ringraziate.
Gioite ed esultate.

P. G. Alimonti OFM cap, “Il Tempo della luce”, Scia di fuoco, pp 113-114