Natività di Maria

È l’alba del tuo giorno;
silenzio è tutto intorno.
Il mondo non sa nulla,
ma è pronta la tua culla.

Oh, vieni, tutta pura.
Sorridi e va’ sicura.
Risplendi, bella e bruna;
rispecchi stelle e luna.

Profumo hai di rosa,
l’incanto hai di sposa.
Oh, vesti pur di viola,
sì grande sei la sola.

Dal male preservata,
tu sei l’Immacolata.
A te fu data in sorte
vittoria sulla morte.

Tu sei giardino ameno.
Il Verbo è nel tuo seno.
Per volontà divina
in terra e in Ciel Regina.

Per quel divino Figlio
Tu passi e sboccia il giglio.
Pienezza della grazia,
sei mensa che ci sazia.

Gesù nell’agonia
ci affida a te, Maria.
Col tuo grande segno
entriamo nel suo regno.

Al tuo pregare pio
di no non dice Dio.
Tu schiacci al mal la testa.
Con te faremo festa.

P. G. Alimonti OFM cap, L’altro consolatore”, Città assediata, pp. 141-142