Sigillo d’amore

La spada di fuoco
rimase a difesa
dell’Eden deserto.

Volere divino,
sei spada fiammante
per chi ti calpesta.

Il resto dei secoli
è storia di lacrime,
di morte e rovina.

Dal seno materno
comincia la lotta
di sopravvivenza.

Per dono di Dio,
dal grembo di donna
sbocciò la salvezza.

E’ pronto dal Cielo
un fuoco più grande,
che brucia la morte.

Eterno è l’Eden
aperto ai credenti
dal Figlio di Dio.

Il Fuoco discese
dov’eran raccolti
i suoi discepoli.

Scintilla potente,
che vinse ogni dubbio
ed ogni paura.

E’ luce che guida,
nei solchi del tempo,
i figli salvati.

E’ fuoco che scende
e rende più pura
ogni anima in grazia.

Si stampa nel cuore,
sigillo d’amore,
che rende felici.

P. G. Alimonti Capp., Scia di Fuoco, pp. 17-8