Tratta bene gli operai

Un impresario a Padre Pio: “Padre, benedici la mia
azienda”.
“E tu tratta bene gli operai e rispetta i loro diritti!
Una preghiera non arriva in cielo se la nostra giustizia
non è tale. Giustizia da rendere è sullo stesso piano
della giustizia da esigere. È vangelo.
I tuoi operai li devi pagare e questo lo fai se ancor
prima li ami. L’amore del prossimo comprende in sé anche
la giustizia”.
A Padre Carmelo da Sessano, che fu Superiore
del convento di San Giovanni Rotondo, Padre Pio disse:
“Come Superiore devi sapere se l’economo paga a dovere
i nostri due cucinieri”.
Padre Carmelo mi raccontava che per ogni iniziativa
chiedeva la benedizione di Padre Pio.
Una volta volle fare a testa propria contro il consiglio
del Padre e poco mancò che ci rimettesse la vita.
Partì contro il consiglio di Padre Pio.
Si trovò solo e di notte su una strada di montagna
sotto un temporale violento. La macchina di colpo si ferma,
il motore e le luci si spengono.
Inutile ogni tentativo di farla ripartire. Scende dalla
macchina e vede che davanti la strada non c’era più, era
stata inghiottita dall’acqua.
Rientra in macchina e gira la chiave per fare marcia
indietro. La macchina riparte subito e torna sano e salvo in
convento. Andò a ringraziare Padre Pio.
Io ho visitato quella struttura di confezioni, che egli
costruì a Sessano per dare lavoro a tante ragazze disoccupate.
Dio benedice, perché è un giusto modo di dare il
pane ai poveri.
A volte Padre Pio infatti diceva: “Il lavoro è pane”.
La società pensa sempre al guadagno e meno alla
giustizia.

P. G. Alimonti OFM cap, Raggi di sole, Vol. 1, pp 91-92