Uno è il regno

È unico il Regno
perché unico è Dio
e unico il volere.

Chi non conosce Dio
o gli disobbedisce,
ignora il mistero.

L’arroganza di Adamo
e l’odio di lucifero,
non usurpano il Regno.

Per l’uno c’è pietà,
per l’altro c’è soltanto
l’eterna dannazione.

L’Apocalisse dice
che satana trascina
un popolo all’inferno.

Son gli angeli ribelli
e gli uomini ostinati
nella disobbedienza.

Per l’uomo che si perde,
ma poi pentito torna,
è pronto il perdono.

Così si riunisce
al popolo dei santi,
che danno gloria a Dio.

Al Figlio incarnato
dirà il bugiardo satana:
“Quello che vedi è mio”.

Gesù sa troppo bene,
che tutto appartiene
al Padre Onnipotente.

E satana è fuori
per sempre da quel Regno,
che odia e disprezza.

E chiunque cerca Dio
Gesù attira a sé,
a prezzo del suo sangue.

P. G. Alimonti OFM cap, “Mistero”, Il regno, pp 97-98