Piccoli passi

Nell’esercizio delle virtù necessarie per una reale ascesa cristiana è sempre efficace il metodo dei piccoli passi.
Dal bimbo che inizia a camminare, la mamma non può pretendere passi da gigante.
Anzi lei si metterà davanti, tendendogli amorevolmente le braccia.
Mi confidava l’amico sacerdote Probo Vaccarini di Rimini che nei primi incontri con Padre Pio al confessionale, era avvilito per la difficoltà di correggere certe abitudini.
Si sforzava, ci piangeva ma poi ricadeva. Era terribilmente angustiato.
Non voleva tornare indietro, non riusciva ad andare avanti.
“Padre, ricado cento volte nella giornata: che posso fare?”.
“Di’ ogni volta un atto di dolore”.
“Padre, la mia giornata così è un continuo atto di dolore”.
“E sia!”.
Don Probo mi diceva che mentre egli si alzava dal confessionale ha visto Padre Pio che lo guardava con un dolcissimo sorriso.
Si è sentito incoraggiato, perché in quel sorriso di Padre Pio, ha visto il sorriso di Gesù.

P. G. Alimonti, OFM Cap, “Raggi di sole”, Vol. 1, p 197